martedì 9 settembre 2014

Babà con crema pasticcera e la storia di questo orgoglio partenopeo!

 
 "Il babà è una cosa seria...Cu 'o babà nun se pazzea
è una cura che fa bene...'O babà nun po' ingannà.
Il babà è come il ciucciotto la coperta di Linus.
Se cercate un antistress ....Accattateve 'o babà "
Cosi cantava qualche anno fa Marisa Laurito e come darle torto :-D???
Tra i tanti dolci napoletani il babà di sicuro è il re di Napoli,
che conquista tutti al primo assaggio
 anche quelli che non amano i liquori nei dolci 
resteranno ammaliati da questa delizia!!!

Pur essendo il babà oggi un dolce tipico di Napoli le 
sue origini sono polacche infatti il babà è una derivazione di un dolce 
a lievitazione naturale originario della Polonia (babka ponczowa ).
 Leggenda vuole che questo gustoso dolce sia stato inventato da
Stanislao Leszczyński, re di Polonia nel XVIII secolo.
Il monarca era un cuoco davvero appassionato e nei suoi esperimenti
culinari trovò che l’abbinamento tra la secca pasta lievitata
( Kugelopf) e il rhum fosse un duo davvero eccezionale.
Come dargli torto!?
Utilizzato dai cuochi francesi assunse il nome di "baba" e poi di
Savarin(che si differenzia dal babà sia per il numero delle uova
che per l’aggiunta della panna: con un risultato è un impasto
più morbido e poroso),
mentre i napoletani gli hanno raddoppiato
la consonante e posto l'accento sulla sillaba finale ovvero "babbà".
 Le prime fonti partenopee sul dolce risalgono invece al 1836
 quando il cuoco Angeletti scrisse un manuale culinario in cui è 
descritta la ricetta con uvetta e zafferano, questi ultimi ingredienti 
persi negli anni a causa della “volgarizzazione” delle pasticcerie
 commerciali che ne hanno sfornati nuovi tipi con crema e amarene 
o magari servito mignon con gelato e semifreddi.
Ma a Napoli il babà non è solo un dolce infatti dire ad una persona
 “si nu' babbà”indica qualcuno dal carattere
  dolce, disponibile, forse anche troppo:-D!!!

Bene, dopo avervi raccontato un pò della storia di questo fantastico dolce direi 
che non vi resta che provarlo magari accompagnandolo con crema pasticcera e 
amarene oppure molto semplicemente con frutta e panna ma anche cosi 
nature è sempre una delizia!!!

Ho utilizzato spesso per la preparazione del 
babà la macchina del pane con la funzione solo impasto e lievitazione e 
devo dire che viene sempre una meraviglia!!
In questo ricetta ho utilizzato
 invece la planetaria con la cottura a freddo del dolce
ovvero ho lasciato lievitare il babà nel forno con luce accesa e forno
spento, poi senza spostarlo e con forno freddo ho acceso e impostato la temperatura
 ottenendo cosi una cottura
lenta che permette al babà di non seccarsi e indurirsi troppo durante la cottura.
Se non avete nessuno delle due macchine, niente paura,olio di gomito
 e via, anche a mano se pò fà e ne vale la pena credetemi!!
Babà al rhum con crema pasticcera alla vaniglia
300 g farina manitoba
18 g di lievito di birra
4 uova
100 g di burro
40 g di zucchero
Un pizzico di sale
2 cucchiai di latte tiepido
Farina e burro per lo stampo
Per la bagna
600 ml di acqua
200 g di zucchero
200 ml di rum
Per la crema pasticcera
2 uova
1/2 litro di latte
60 g di amido di mais
40 g di zucchero
1 bacca di vaniglia
Inoltre
1 barattolo di amarene sciroppate Fabbri

Riunite nella ciotola dell'impastatrice la farina setacciata, lo zucchero e il
 lievito sbriciolato.
 Azionate la macchina e incominciate a versare parte delle uova a filo,
 fino a formare un impasto semiduro; impastate fino a che la massa
risulta liscia e ben incordata, quindi continuate ad aggiungere a filo e poco
per volta, il resto delle uova.
Quando quest'ultime risulteranno perfettamente assorbite e l'impasto
risulterà liscio ed incordato, unite il burro morbido poco alla volta,
inserendo il quantitativo successivo solo quando il precedente
risulta completamente assorbito e in ultimo unite il sale. 
Versate l'impasto in uno stampo a ciambella imburrato e infarinato
da 26 cm (meglio se scanalato)
 cercando di pareggiarlo in più possibile,
 quindi lasciate lievitare nel forno spento con la luce accesa
 il babà fino ad un centrimetro dal bordo.

Senza muovere il babà dal forno accendete e impostate
 la temperatura a 170 gradi (meglio se ventilato) e
 cuocete per 25 minuti.
Appena cotto lasciatelo freddare 5 minuti nello stampo e
 poi capovolgetelo in uno ciotola larga con i bordi alti
Nel frattempo preparate la bagna facendo sciogliere
sul fuoco l’acqua con lo zucchero.
spegnete il fuco, lasciate intiepidire ed  unite il rum.
Vesate con un mestolo la bagna sul babà aspettando che sia assorbito il
 liquido prima di aggiungerne altro.

Potete procedere adesso alla preprazione della crema pasticcera scaldando  il 
latte in un pentolino insieme ai semini della bacca di vaniglia.Nel frattempo, 
montate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
Incorporate alla montata di tuorli l'amido di mais  mescolando per
 bene affinchè non rimangano grumi.
Una volta che il latte sarà ben caldo, versatene una piccola quantità nel composto
 di tuorli e zucchero così da renderlo più fluido; mescolate per amalgamare bene.
Unite il composto appena ottenuto alla parte di latte ancora nel pentolino, 
mescolate per rendere il composto omogeneo.Riaccendete il fuoco basso e cuocete 
la crema, mescolando continuamente, fino a farla addensare.

Non appena avrà raggiunto il grado di densità desiderato, trasferite la crema 
in una ciotola coprendola con della pellicola trasparente a diretto contatto 
con la crema stessa; questo eviterà alla crema di seccarsi in superficie.
Lasciate freddare quindi versatela in una sac a poche e decorate il vostro 
babà terminando con delle amarene sciroppate.

52 commenti:

  1. Ciao,il baba' è il nostro orgoglio ,una bandiera napoletana!Brava,Lisa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si Lisa guai a toccarci il babà:D!!!Baci

      Elimina
  2. il dolce più buono in assoluto per noi partenopei ^__^ ha un aspetto davvero delizioso e invitante complimenti..
    lia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu partenopea Lia?? Che bello e cmq é vero, é il dolce che ci rappresenta di più!! Bacioneeeeee

      Elimina
  3. Una super pillola di cultura che ci ha fatto scoprire che il babbà ha origine polacche...mai lo avremmo detto, anche perché ormai esiste il solo e unico babbà napoletano che sarebbe bello gustare (forse sa un po' di stereotipo ma ci piace!) con una bella vista sul Vesuvio così colmeremmo la doppia lacuna di conoscere pocoquesto meraviglioso dolce e di vedere una volta per tutte e per bene la splendida Napoli!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesororucce se vi doveste dicidere di venire a Napoli vi farò da Cicerone e vi porterò nella migliore pasticceria di Napoli cosi da gustare il vero baba` magari con vista sul Vesuvio,perché no:-D!! Un bacione grande e se và provate la mia ricetta super collaudata!!! Bacioniiiiiii

      Elimina
  4. Io sono romagnola e non ho quindi mai conosciuto la tradizione dei babà, se non quelli piccoli imbevuti di rum, ma a me non piace l'alcool nei dolci. Invece da voi blogger ho conosciuto questi sontuosi babà, farciti e decorati che sono una meraviglia. Sembrano davvero soffici come una nuvola. Prima o poi devo provare a farlo anch'io (senza rum però). Bravissima Imma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Barbara puoi anche mettere una bagna fatta con acqua zucchero e qualche sciroppo analcolico e cmq sono di una bontà i baba`!! Bacioneeeeee

      Elimina
  5. certo che dev'essere davvero un trionfo di bontà....sai che io così non l'ho mai mangiato?! Quasi quasi mi auto invito e ti vengo a trovare.... eheheh... ;)
    baci amica mia e buona e dolcissima domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooo tesoro non é possibile che non hai mai mangiato il baba`.... dai vieni a Napoli che ti faccio mangiare i migliori!! Bacioneeeeee

      Elimina
  6. Imma mia.... che roba!!!!! resto incantata davanti alla foto..bucherei lo schermo con un cucchiaino per agguatarne un pezzo.. Prima o poi dovrò farlo anche io.. è davvero troppo troppo buono.. anches e una vera botta di vita calorica!!!! ma che ci frega!!! Un baciotto .-****

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro non più di tanto anche perché nel dolce lo zucchero é pochissimo, é la bagna un po più calorica!!!! Cmq tu hai la macchina del pane quindi butta tutto dentro e provalo vedrai che bontà!! Bacioneeeeee

      Elimina
  7. Semplicemente solo una parola : Meravigliosa !!! :) Buon weekend !! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Claudia é concordo con te é una meraviglia di dolce!! Bacioneeeeee

      Elimina
  8. Davvero interessante il prologo..grazie c averci dato queste informazioni, che dire poi del risultato. ....uno spettacolo! !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provalo Annalisa é uno spettacolo davvero!!! Bacioneeeeee

      Elimina
  9. Mi piace da matti e mio viene anche piuttosto bene! Ricordo benissimo la mia prima volta a Napoli e i babà inondati di rum! proverò anche questo, perchè non ci stanca davvero mai! Napoli è nel mio cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mi fa piacere che ami la mia terra che anche piena di contrasti sa regalare profumi e sapore unici che no posso non amare!!! Prova anche questo tesoro vedraiche delizia!! Bacioneeeeee

      Elimina
  10. Questo post è davvero interessante Imma, non sapevo la storia del babbà. Come al solito hai sofrnato un capolavoro, è davvero stupendo anche solo da vedere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, e si il babà ha una storia davvero affascinante!!Bacioni,Imma

      Elimina
  11. Imma il babà è sicuramente il re della nostra tradizione dolciaria ed il tuo è semplicemente perfetto...ma sai che anche io nel post ho scritto la canzone della Laurito? :D siamo sempre in sintonia di sapori ormai quando leggo i post tuoi e di Simona mi sento subito in sintonia di sapori e mi viene voglia di scendere a casa.
    Ti abbraccio forte e complimenti per questa ricetta perfetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai sul serio?Siamo troppo in sintonia noi due ed insieme a Simona siamo un trio di campane spumeggainti:D!!!!!Ti abbraccio fortisssimo anch'io e spero di abbracciarti presto!!!

      Elimina
  12. Spettacolare Imma, un capolavoro di pasticceria, una fetta ora la gusterei proprio volentieri...sempre bravissima!!!
    Buona serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ely sei sempre un tesoro!!Baci

      Elimina
  13. E' davvero un dolce sontuoso,uno dei dolci preferiti di mio padre e devo dire che anche a me non dispiace per niente,si vede che lo ha realizzato una mano esperta e che ha un feeling particolare con questo dolce,è davvero perfetto,complimenti!
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore tesoro e prov questa ricetta sono certa che tuo padre ne sarà felice!Bacioni

      Elimina
  14. tutto avrei scommesso fuochè il babà avesse origini polacche! che bello però scoprire queste curiosità sui pezzi forte della nostra cucina :) il tuo tesoro è un Signor BABA' da fare invidia alle pasticcerie più blasonate. non ci ho mai provato perchè mi ha sempre intimorito più del panettone, mi credi? ma prima o poi ci proverò a mettere le mani in pasta. un abbraccione, buona settimana tvbbbbbbbbbbbb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro noooo credimi il babà è mooooolto più semplcie del panettone quindi devi buttarti e vedrai che con questa ricetta ti verrà perfetto!!!Un abbarccio forte e sei sempre la mia amica speciale!!TVBBBBBB

      Elimina
  15. Ma che bello questo babà, i tuoi dolci non mi deludono mai!
    Complimenti, un bacione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valeria sei troppo cara!!Bacioni

      Elimina
  16. Che spettacolo cara Imma, io neanche riesco ad immaginare di poterlo preparare!!!!!!!!! devi essere orgogliosa di te!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mette più paura di quello che poi è perchè non è difficile anzi in realtà è una sorta di brioche tutto sommato!!bacioni

      Elimina
  17. che bello leggere un po' di curiosità su questo magnifico dolce, da buoni partenopei lo amiamo, nella versione classica: solo e soltanto lui impregnato di quella meravigliosa bagna che e' la vera sfida!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto solo pieno di rum dolce e senza troppi fronzoli!!! Un bacioneeeeee cara

      Elimina
  18. Adesso che, grazie a te, ho rispolverato la storia del babà (che è strettamente legata a quella del kugelhopf alsaziano, lo sapevi?), ho anche una gran voglia di farlo!
    Foto bellissime, davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Serena so della storia del baba` e del kugelhopf che sono legati e adesso si, devi proprio provarlo!! Bacioneeeeee

      Elimina
  19. Si é davvero strepitoso!! Bacioneeeeee

    RispondiElimina
  20. Ciao Imma! e che ci siamo perse allora noi!!! Mai assaggiato ma, per quanto non siamo poi così golose..una volta nella vita ce lo concederemo sicuramente!!! Il tuo sembra proprio fare al caso nostro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii dovete care é un assaggio paradisiaco il baba`!!! Bacioneeeeee

      Elimina
  21. Il re indiscusso del la nostra tavola! Come si fa dire di no ad una fetta dibabbá?? Eppure credimi, conosco gente a cui non piace!! Non lo tollero! :D
    Domani vengo da te ore mangiarne un po' ...è rimasta una fetta? :D ci manca solo una bella tazzulella i cafè! xD
    Un bacione Imma! :* sei bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tesoro il nostro dolce simbolo e forse non piace ad alcuni per colpa del rum ma non sanno cosa si perdono...un bacioneeeeee grande e ti aspetto per il caffè allora:-D!!

      Elimina
  22. Imma questo babà è superlativo!!! Certo non poteva essere altrimenti, fatto proprio da te!! Non sapevo che la ricetta avesse origini polacche, hai scritto un post interessantissimo! Una domanda: lo stampo del babà originale è proprio quello che hai usato vero? Non posso usare uno stampo da budino? Un abbraccione, sei sempre una fonte di ispirazione dolciaria strepitosa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia certo, puoi usare anche quello da budino va benissimo,io lo uso per spesso oppure quello a ciambella anche liscio. Provalo e fammi sapre e sono felice che ti piaccia il post:-D! Bacioneeeeee

      Elimina
  23. Che bontà infinita!!!! Lo amo alla follia...ma sai che non ho mai provato a farlo???
    Devo rimediare...il problema è che in casa piace solo a me.....ahhahah!! Mi sacrificherò!!!!

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro puoi provare una mezza dose con uno stampo da ciambella più piccola oppure in monoporzioni tipo savarin:-D!! Un bacioneeeeee grande cara

      Elimina
  24. Oh my god!!! Io sono una babbà dipendente, lo a-do-ro!!! Il tuo è venuto magnificamente, sontuoso e succulento! Complimenti, bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro allora non ti resta che provare questo baba` non ti resta che provarlo cara!! Bacioneeeeee

      Elimina
  25. Non avendo lo stampo per il babà ho usato quello del pandoro...che dire...spettacolare!! Grazie per questa deliziosa ricetta!!

    RispondiElimina

Benvenute nel mio mondo fatto di zucchero a velo e tanta dolcezza ma con un pizzico di salato che non gusta mai!!!