domenica 25 gennaio 2015

Sfogliette doppie con crema al burro al cioccolato bianco


Alzatina e teiera Orval Creations
Avete ospiti improvvisi e un ora per preparare la cena?Vi capita di tornare a
 casa e aver voglia di un dolcino senza però stare ore ai fornelli??
Ho l'idea giusta per voi: vi basta un rotolo di sfoglia e del cioccolato bianco 
e potrete realizzare anche voi queste doppie sfogliatine con una ricca
 farcitura di crema al burro con cioccolato bianco semplicemente divine!!!
Immaginate una vellutata crema al burro al cioccolato bianco che racchiude 
due dischi di fragrante pasta sfoglia impreziosita da ciliegie candite...
insomma che ne dite vi ho convinte?Credetemi sono irresistibili e la faccia di 
Alfredo(che fremeva mentre gli facevo la foto)
è più eloquente di ogni parola...ho dovuto nasconde le sfogliatine 
per non fagli spazzolare tutto il vassoio...chissà da chi a preso...bohhhh:-)!!!
 
Nota
Da un disco tondo di pasta sfoglia io ho ricavato 12 dischi che una volta
 farciti con la crema ho accoppiato. Per una dose doppia oltre ad
 utilizzare 2 rotoli di sfoglia raddoppiate anche le dosi della crema al burro.
 
 Sfogliette doppie con crema al burro al cioccolato bianco
Per 6 doppie sfogliatine
1 rotolo di pasta sfoglia tondo
Zucchero semolato q.b.
Spolverizzate di zucchero la spianatoia e stendete la pasta, sempre 
spolverizzata di zucchero.Ricavate dalla sfoglia 12 dischi di 6-8 cm con uno
 stampino a  bordi lisci, sistemateli su una placca e passate
 in forno già caldo a 190° per  20-25 minuti.

Per la crema al burro e cioccolato bianco 
90 g di cioccolato bianco
125 g di burro ammorbidito
150 g di zucchero a velo setacciato
 1 cucchiaino di essenza alla vaniglia
Fate fondere il cioccolato a bagnomaria, quindi fatelo raffreddare.
Con le fruste elettriche, sbattete il burro e la vaniglia, poi unitevi il cioccolato bianco
fuso e lo zucchero a velo. Continuate a mescolare per bene fino a montare la crema.
Mettete la crema in una tasca da pasticciere con bocchetta a stella e decorate
l'interno delle sfogliatina quindi accoppiatele a due e farcire
con un ciuffo di crema anche la base.
Decorate con una ciliegina candita oppure dei frutti di bosco

venerdì 23 gennaio 2015

Treccia pan brioche ciambellata alle 3 marmellate


Adoro stare in cucina quando ho in forno un lievitato
e sentire il profumo di una brioche che si espande
in tutta la cucina, è come una coccola!!
Amo tutti i lievitati ma richiedono tempo e non sempre ne ho
 a disposizione però quando mi prende la voglia non c'è niente da fare devo
mettere le mani in pasta!
Questa che vi presento oggi è una treccia
farcita con 3 gusti diversi che una volta realizzata ho chiuso a ciambella.
Per afrcirla,ho utilizzato alcuni vasetti di confettura che giacevano da un po in frigo
ma ovviamente voi potete utilizzare le confetture che amate di più e
credetemi è semplicemente fantastica!!!
Inoltre,ho sostituito il lievito di birra con il lievito madre secco che
 ha regalato alla mia brioche
una morbidezza e una leggerezza unica...provare per credere!!!

Treccia pan brioche ciambellata  alle 3 marmellate
200 g di farina manitoba Molino Rossetto

200 g di farina tipo "00" Molino Rossetto
1 bustina di lievito madre per
 dolci lievitati Molino Rossetto
(sostituibile con 15 g di lievito di birra)
100 g di zucchero
2 uova intere
70 g di burro
140 ml di latte
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
Sale
Per la farcitura
Confettura fiordifrutta di mirtilli neri q.b.Rigoni di Asiago
Confettura di frutti di bosco q.b. Rigoni di asiago
Confettura Fiordifrutta Corniole q.b. Rigoni di Asiago
Granella di zucchero q.b.

In una ciotolina mettete il latte tiepido con 1 cucchiaino di zucchero
 (prelevato dalla dose) e la bustina di  lievito madre che lascierete
sciogliere completamente. Mettere la farina nella planetaria assieme allo
 zucchero e la vaniglia . Avviate la planetaria con il gancio K aggiungendo
 il latte con il lievito sciolto. Quando sarà assorbito aggiungere le uova, una
 alla volta  e il pizzico di sale. Togliete a questo punto la frusta a k
 e inserite  il gancio ad uncino e procedete con l'impasto unendo
 il burro ammorbidito. Impastate per bene fino a quando l'impasto non
risulterà  liscio ed incordato. Fate lievitare per 2 ore fino al raddoppio.
Trasferite l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata, tagliatelo
in tre porzioni uguali, stendete con il mattarello ogni porzione in un
 rettangolo, distribuite con una spatola 1 cucchiaio colmo di marmellata
 (alternando i gusti)e piegate a metà per il lungo sigillando bene,
poi arrotolate fino ad ottenere un cilindro, così per le tre porzioni.
Congiungete i tre cilindri ottenuti ad un’estremità premendo bene,
 poi intrecciateli fino ad ottenere una grossa treccia che sigillerete
ancora premendo sui bordi. Imburrate uno stampo a ciambella e
sistemate la treccia chiudendo bene le due estremita e lasciate
lievitare ancora per un ora al caldo. Trascorso il tempo della
seconda lievitazione spennellate la treccia con un uovo sbattuto e
 versate la granella di zucchero quindi infornate 180° modalità
statica, per 25-30′, fino a che sarà dorato. 

mercoledì 21 gennaio 2015

Light con gusto-Minestrone alla ligure

 
 Per rimettersi in forma, niente di meglio di un buon minestrone e se volete 
renderlo diverso dal solito provate la versione ligure!
Quando mi è capitata a tiro la ricetta tratta da un vecchissimo libro di 
cucina di mia mamma, non ho potuto non prepararlo subito anche perchè
 amo le verdure e in questo minestrone troverete tante ghiotte verdure 
di stagione di facilissima reperibilità insieme all'inconfondibile
 profumo del pesto genovese! 
Questo minestrone è buono anche freddo,
 in tal caso l’unica variante rispetto alla ricetta è quella di non aggiungere
 olio in cottura, di lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente, 
di condirlo con l’olio solo al momento 
di servirlo.
 Io ho mangiare il minestrone senza
 aggiungere pasta o riso anche perchè teoricamente sarei
a dieta quindi preferisco ridurre i carboidrati
e fare grandi scorpacciate di verdura ma voi potete aggiungere
riso o pasta se volte un piatto ancora più
sostanzioso!
Minestrone alla ligure
Ingredienti
150 g di fagioli cannellini secchi
120 g di bietole
1 carote
1 patata
200 g di zucca gialla
300g di verza
100 g di piselli surgelati
1 coste di sedano
1 cipollotto
1 dado  vegetale
1 cucchiaino di pesto alla genovese
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiainodi pimento alle erbe
Mettete i cannellini in una ciotola, copriteli con  abbondante acqua fredda 
e lasciateli ammorbidire per circa 8 ore.  Sgocciolateli, trasferiteli in 
una pentola, aggiungete 1 litro di acqua e  cuoceteli a fuoco dolce per 2 ore.  
Pulite e lavate tutte le verdure: dividete le carote, la patata e la  zucca a cubetti,
 tagliate i gambi delle bietole a pezzetti e le foglie a  striscioline.
 Riducete il sedano a tocchetti, il cipollotto a  rondelle.
Scaldate 3 cucchiai di olio in una pentola, unite tutte le verdure
  preparate compresi i piselli e il gomasio, tranne le foglie delle bietole
 e fatele insaporire per un  paio di minuti, mescolando. 
Aggiungete i fagioli con la loro acqua di  cottura, altri 3 bicchieri
 di acqua calda, in modo che le verdure siano  completamente immerse.
 Portate a ebollizione. Dopo mezz'ora di  cottura,
unite le foglie delle bietole, il dado vegetale e proseguitye
 la cottura per 13-15 minuti. 
Togliete il minestrone dal fuoco, unite il pesto e lasciate riposare
 10 minuti prima di servire. Se vi piace, condite con un filo di olio crudo.