mercoledì 25 maggio 2016

Light con gusto-Insalata di riso black and white alle verdure di stagione

 Visto che le insalate di riso non possono mancare durante i mesi più 
caldi ed estivi vorrei proporvi oggi, per la mai rubrica
 "Light con gusto"una versione black and white. 
Ho battezzato questo piatto
 insalata di riso bianca e nero perche
 per realizzarla ho utilizzato due tipi di riso
: il classico bianco basmati, ed il riso Venere,  un particolare
 riso integrale piuttosto pregiato, ricco di sali minerali e fibra. 
Ho deciso di personalizzare questo piatto accostando 
ingredienti che si sposano divinamente del resto 
le verdure in questo momento.
 sono davvero il top!
 
 E' un piatto completo, ideale come piatto unico, perchè ci sono
 sia i cereali che le verdure che danno la giusta energia e le 
fibre che fanno sentire sazzi. Inoltre è genuina e leggera e a
nche tanto allegra e colorata in che in cucina non gusta mai!
 Ho abbinato a questo piatto un vino 
un marchio in crescita che raccoglie oggi i risultati di 
un lavoro assiduo e costante nel recupero e nella valorizzazione 
dei vitigni autoctoni come Nero Buono e Bellone. 
Il Castore è un  vino di raffinata eleganza che racchiude
 in se la terra di origine. Ottenuto dalla vinificazione
 in purezza del Bellone; vitigno autoctono conosciuto
 anche come uva pane per la sua buccia sottile e delicata. 
Uva di origine antica, diffusa nell'area dei
 Castelli Romani già in epoca romana. 

Insalata di riso black and white alle verdure di stagione
Ingredienti per 2 persone

    90 g di riso Basmati
    60 g di riso Venere
    80 g di zucchine
      1 carota
     1 scalogno
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
    1 peperone rosso
    60 g di asparagi
     Sale q.b.
    Peperoncino q.b.
 
 Cuoci separatamente i due tipi di riso, seguendo le indicazioni 
riportate sulle confezioni, raffreddali sotto un getto di
 acqua fredda e mettili da parte. 
Pulisci e taglia le verdure a cubetti regolari.
Versa un filo di olio nel wok e aggiungi lo scalogno tritato; 
fai rosolare per un paio di minuti quindi unisci 
le verdure e cuoci per circa 10 minuti a fuoco vivace,
 rimestando di continuo(se serve aggiungi un po d'acqua).
Regola di sale, aggiungi un pizzico di peperoncino
 o di pepe e, una volte pronte, trasferiscile in un piatto e
 lasciale raffreddare.Trasferisci il riso in una ciotola,
 unisci le verdure ormai fredde,  
e un cucchiaio di olio. 
A questo punto puoi servirla cosi oppure 
 in mono porzioni versando l'insalata in formine di silicone
oppure in quelle usa e getta di alluminio.
 Metti in frigo 10 minuti e poi sforma in piatti singoli.

martedì 24 maggio 2016

Light con gusto-Crostata alla frutta con crema e frolla vegana

Come è evidente dalle pagine del mio blog, non sono ne vegana
 ne vegetariana ma amo cucinare, amo sperimentare e 
provare nuove combinazioni in cucina e soprattutto arrivo
 in soccorso con questa crostata di due carissime amiche vegane 
che mi chiedono spesso di realizzare un dolce che possa essere 
adatto anche alle loro abitudini alimentari. 
Ultimamente tra l'altro, ho tirato fuori il
 LIBRO NERO DELLA DIETA
 (ebbene si in vista dell'estate devo darmi una regolata) 
ma non potendo vivere senza dolci ho cercato di trovare 
una giusta via di mezzo e questa crostata  senza burro e
 senza uova è stata una grande scoperta!! 
 
 La crostata resta friabile nonostante l'assenza del burro e la crema 
leggerissima e ben aromatizzata non vi farà rimpiangere 
la classica crema con le uova!La frutta poi è una 
combinazione di quelle avevo in casa e qui ovviamente
 libertà assoluta alla vostra fantasia per creare gli abbinamenti
 che gradite di più!!Che dire, dopo la torta al cioccolato 
vegana anche questa è stata una bella e golosa 
scoperta che vi consiglio di provare!
Crostata alla frutta con crema e frolla vegana
 Per la frolla

125g di farina di farro
(ma volendo anche integrale oppure Kamut)
125g di farina 00
125g di zucchero di canna
65 ml di acqua
35 ml di olio di mais
35 ml di olio extravergine d'oliva delicato
6 g di lievito per dolci
- 1 pizzico di semini di vaniglia
--------------------------------------
Metti lo zucchero in una ciotola con l'acqua e mescola bene
 (non si scioglierà tutto).Aggiungi poi l'olio, l'interno di
 un pezzetto di bacca di vaniglia e mescola con l'impastatore o 
una forchetta.Unisci il lievito e, poco alla volta e sempre 
lavorando l'impasto, le due farine, fino ad ottenere
 il panetto di frolla.Stendilo (in modo che si indurisca prima) 
e avvolgilo nella pellicola trasparente.Lascia riposare almeno
 un paio d'ore in frigorifero.Una volta passato il tempo necessario,
 utilizzala come una normalissima pasta frolla e
 cuoci a 170°C per circa 30 minuti.
Crema pasticcera bianca 
250 ml di soia
100 g di zucchero
35 g di maizena
15 g di amido di riso
Un pizzico di curcuma
 Buccia di limone essiccata
-1/2 bustina di vaniglia
--------------------------------------------------
Prendete un pentolino e versateci dentro il latte. 
Mettete il pentolino sul fornello e, a fuoco lento, scaldate
 il liquido facendo attenzione che non arrivi a bollire.
In una ciotola a parte unite lo zucchero, la farina setacciata e
 la maizena: amalgamate bene tutto con il latte tiepido che 
verserete a filo, a poco a poco, mescolando con una 
frusta a mano. Questa fase è molto importante, 
perché dovrete fare molta attenzione a che non si
 formino grumi.
A questo punto, aggiungete la bustina di
 vaniglia e la scorza di limone. 
Riaccendete il fornello e portate la crema
a ebollizione continuando a mescolare. 
Passati tre minuti di cottura dall’ebollizione, 
togliete la
 crema dal fuoco e versatela in una ciotola
.Lasciatela raffreddare e
 poi mettetela in frigorifero con una pellicola trasparente sopra. 
Dopo mezz’ora sarà pronta per essere utilizzata.
Inoltre
Frutta fresca di stagione

venerdì 20 maggio 2016

Gnudi bianchi con salsa di mozzarella alla panna ed erba cipollina

 
Questi gnudi di ricotta nella mia famiglia sono diventati in must 
ormai i miei figli almeno una volta a settimana mi chiedono
 di prepararli! Gli gnudi toscani sono un primo piatto
 leggero, delicato, economico e gustoso.
. Il nome Gnudi, che in Toscano significa nudi,
 deriva dalla composizione di queste “polpette” di ricotta e
 spinaci, il classico ripieno dei ravioli in
 questo caso senza la pasta fresca. 
Nella mia versione gli gnudi sono senza spinaci ma totalmente 
bianchi e conditi con salsa alla mozzarella ed erba cipollina
 per un piatto che sono certa conquisterà tutti in famiglia e per
 l'occasione ho abbinato a questo piatto un 
vino meraviglioso 
dal colore giallo paglierino.Il profumo è intenso e complesso, 
spiccano le note fruttate rispetto alle floreali,
 ricorda gli agrumi e la frutta tropicale.
Al gusto è morbido e saporito e 
ricorda la frutta percepita al naso.