giovedì 23 agosto 2012

La zuppa inglese

zuppainglese
Oggi vi presento ancora un dolce al cucchiaio un classico della pasticceria ovvero la zuppa inglese. Chi non ha mai mangiato assaggiato o preparato la zuppa inglese???
Penso che dopo il tiramisù sia in dolce più nazional popolare che ci sia anche se spesso bistrattato e considerato un dolce di serie B perchè abbastanza facile nella sua esecuzione:-)!!
La zuppa inglese è un morbido dolce al cucchiaio composto da strati di crema pasticcera e al cacao, intervallati da Pan di spagna (o savoiardi morbidi) inzuppato nell’Alchermes.
Secondo le tesi più accreditate, la zuppa inglese affonderebbe le sue origini nel Rinascimento, più precisamente intorno al 1500, quando un diplomatico italiano, di ritorno da Londra, chiese ai cuochi della corte dei duchi d’Este di preparargli un trifle, dolce tipico inglese assaggiato in Inghilterra e da lui molto gradito.
Nel tentativo di riprodurlo, i cuochi crearono una “versione italianizzata” del trifle inglese, sostituendo qualche ingrediente per rendere questo dolce più ricco e raffinato; il pan di Spagna sostituì la pasta lievitata all’inglese, la crema pasticcera sostituì la panna e, più in la nel tempo, vennero introdotti degli ingredienti molto colorati per rendere la preparazione vivace alla vista: l’Alchermes, liquore profumato e dal colore rosso vivo nel quale veniva inzuppato il pan di Spagna e il cacao, che serviva a creare il contrasto con la crema pasticcera.
Essendo un dolce molto noto negli anni ha subito diverse variazioni, io adoro quella classica come quella vi propongo oggi oppure quella napoletana (perdonate la foto vecchissima ma è per farvi capire com è la versione partenopea) che si compone con una base di pan di spagna tagliato in due e farcito con crema pasticcera, amarene, panna e meringa che poi va passata al grill per pochi minuti per creare uno strato croccante in superfice...A voi la scelta!

zuppa2
Zuppa inglese
Per 4 coppette
Alchermes q.b.
Savoiardi q.b oppure pan di Spagna
Per la crema
20 g di cacao amaro in polvere
70 di farina
1/2 litro di latte
3 tuorli
1 stecca di vaniglia
150 g di zucchero
Panna q.b.
Scaglie di cioccolato fondente

Sobbollite il latte(tranne mezzo bicchiere) in una capiente casseruola con il baccello di vaniglia, poi toglietelo dal fuoco e lasciatelo in infusione per 10 minuti.
In una terrina a parte lavorate i tuorli con lo zucchero con l'aiuto di uno sbattitore elettrico, poi incorporate pian piano la farina setacciata, alternando l'aggiunta del latte freddo che avete tenuto da parte, quindi lasciatela raffreddare mescolandola di tanto in tanto, poi dividetela in due ciotole e, in una di esse, aggiungete il cacao in polvere; mescolate con un cucchiaio di legno o con le fruste di uno sbattitore per amalgamare il cacao alla crema in modo omogeneo.
Mettete da parte 3 cucchiaiate di crema al cacao che vi servirà in seguito per guarnire le coppette di zuppa inglese.
Prendete 4 coppette della capienza di circa 200 ml(oppure una coppa grande), e disponete sul fondo di ognuna di esse un disco di pan di spagna (oppure un paio di savoiardi)e bagnatelo con l' alchermes; servendovi di un cucchiaio o di una sacca da pasticcere, disponete un primo strato di crema al cacao. Di seguito, posizionate un nuovo disco di pan di spagna, bagnatelo con il liquore e disponete uno strato di crema al cacao pasticceera bianca.A questo punto decorate la vostra zuppa inglese come più vi aggrada e riponetela in frigo fino al momento di servirla.

46 commenti:

  1. ma che belle in mono dose!!
    :)

    RispondiElimina
  2. Immaaaaaaaaa!!!!!! Mi hai letto nel pensiero!! Proprio oggi m'è venuta una gran voglia di zuppa inglese!!!!!!
    Corro a prepararla!!!!!! :)
    Un bacione grande!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, che goduria questa zuppa inglese. Io, invece, sono alle prese con le confetture =) Baci

    RispondiElimina
  4. Non sapevo che ci fossero varie versioni della zuppa inglese , molto interessante!!! la tua ricetta me la segno perche' mio papa' va matto per questo dolce!!!! e anche io:-)
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Immaaaaaaaa ma dove sei? ti cerco su facebook da giorni e sei sparita! Si sente tanto la tua mancanza!!!! intanto ti rubo una coppetta di zuppa inglese e ti lascio un bacione!

    RispondiElimina
  6. A me piace tantissimo, sarà anche perché nei dolci per me l'alchermes di sta proprio bene... insomma la adoro e poi presentata come la fai tu diventa una golosità imperdibile!! Bacioni!

    RispondiElimina
  7. Un superclassico che ti è riuscito alla perfezione: e come stupirsene? ;-)

    RispondiElimina
  8. Golosissima ...
    Ciao Imma !!!
    Un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  9. ma sai che è da un pò che non la faccio! adesso che vedo questa coppe mi ci tufferei dentro da quanto sono belle e golose!!!baci!!

    RispondiElimina
  10. Che belle le tue coppette!Ne mangerei un paio ben volentieri!

    RispondiElimina
  11. Il dolce della mia infanzia Imma! L'unico che mia mamma "credeva" di saper preparare alla perfezione, con risultati scandalosi :) Il tuo è bellissimo invece! Un abbraccio, Norma

    RispondiElimina
  12. Ciao Imma! sai che la ricetta della zuppa inglese è un pò come quella del tiramisù..ognuno ha la sua!
    Nostra nonna al prepata con due strati di budino al cacao e crema intervalalti da biscotti tipo oro saiwa.
    Molto buona e golosa anche la tua versione al cucchiaio! con morbidissimo pan di spagna e la panna finale!
    eh si, fallo come vuoi, ma alla fine è sempre un golossimo dessert!
    un bacione

    RispondiElimina
  13. deliziosa! ultimamente la mangio sempre come gelato... devo riscoprire la bonta del vero dolce al cucchiaio!

    RispondiElimina
  14. la adoro, semplicemente, la adoro. anche io ho letto della tradizione estense, ma lo sai che c'è una bellissima descrizione di un dolce simile - più ricco, ma composto comunque a strati - nel bellissimo romanzo di Thomas Mann i Buddenbrock. golosa anche la sola lettura ;-)

    RispondiElimina
  15. io voto la versione estense, ma solo perchè sono ferrarese, e l'ho sempre mangiata così...è in assoluto il mio dolce preferito, ma sono certa che non disdegnerei neanche l'altra versione, gnam....che voglia adesso!

    RispondiElimina
  16. Ecco quello di cui avrei bisogno adesso per tirarmi sù! Ho le energie a zero ma con una coppa così ricca e golosa tornerei frizzante in men che non si dica :) Un bacione tesoro, buon pomeriggio

    RispondiElimina
  17. Eccomi! Io alzo la mano non l'ho mai preparata ci credi? Ma me ne gustere una coppetta proprio ora qui al freschino (si fa per dire...) sul terrazzo..... Deve essere deliziosa! Baci mia cara!!!!!

    RispondiElimina
  18. ma pensa che a casa mia non si e' mai usato l'alchermes! la tua versione e' semplicemente fantastica da vedere..non oso immaginare da gustare!

    RispondiElimina
  19. Nooo, ma come un dolce di serie B? Non esiste, la zuppa inglese è una delizia! Mi ricorda l'infanzia negli anni '80, insieme al tiramisù e al ciambellone che faceva mia nonna :)
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  20. Un classico dei classici ma sempre di gran moda, carina l'idea di servirlo in coppette già porzionato!

    RispondiElimina
  21. la classica è da urlo! Forte vedere le modifiche apportate negli anni :) ma quella più bella di tutte (e che ancora non ho provato, ma DEVO farla assolutamente!) è senza dubbio la versione partenopea!

    :***

    RispondiElimina
  22. credo di essere una delle poche persone a cui la zuppa inglese non piace...preferisco il tiramisu anche se con sto caldo evito di mettere le uova crude nei dolci!!!pero' non posso negare che questo dolce in monoporzione mi attira...un cucchiaino lo assaggerei volentieri

    RispondiElimina
  23. Ciao Cara,
    Come stai??? Tutto bene???
    Hai passato bene le ferie???
    ancora sono in ferie, ma non riesco a cucinare, la temperatura qui al mare é "infernale"... e chi riesce ad accendere il forno??? io no!!!
    La zuppa inglese é fantastica, é da tempo che voglio fare questo dolce.. Appena passa questo gran caldo lo faro'.
    Un abbraccio.
    thais

    RispondiElimina
  24. ci piace molto la zuppa inglese, belle le tue coppette monoporzione, baci

    RispondiElimina
  25. Partenopea o no è uno splendore... da mangiare con gli occhi prima e con la bocca poi ^_^

    RispondiElimina
  26. La sto divorando golosamente con gli occhi.. Mi segno questa ricetta!! So che ci sono diverse versioni, ma conoscevo solo la ricetta di mia madre.. Interessante davvero! Come sempre sei utile, brava e .. Ancora brava!! Baci cara

    RispondiElimina
  27. Ciao Imma :) Questa zuppa inglese oltre che bellissima deve essere squisita! :D Davvero golosa e invitante, complimenti di cuore :) Un bacione e buona serata!

    RispondiElimina
  28. Questa zuppa inglese ha un aspetto veramente sublime!! Complimenti!!

    RispondiElimina
  29. Non amo la zuppa inglese ma queste coppette le assaggerei volentieri! Sono bellissime!

    RispondiElimina
  30. e io sono una di quelle che non l'ha mai provata proprio per colpa dell'alchermes...a guardare le tue foto i sa che ho sbagliato qualcosa :) un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Un grande classico, intramontabile, interpretato degnamente!

    RispondiElimina
  32. beh adesso queste coppette sono fenomenali!adoro molto la descrizione e l info di questo post.grazie Imma!

    RispondiElimina
  33. Ma sai che io non ho mai neppure assaggiato la zuppa inglese?? Da me non si usa! Però mi ispira moltissimo e tu, come al solito, sei bravissima!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  34. Imma bellissima la tua zuppa inglese e bellissimo il racconto delle atre versioni sia l'originale che quella partenopea complimenti come sempre

    RispondiElimina
  35. Ciao Imma!!!! Spettacolo la zuppa inglese, appena rientrata a casa vorrei provare a farla anch'io, la tua è splendida!

    RispondiElimina
  36. E' da molto tempo che mi riprometto di farla,me l'hai ricordato tesoro!

    RispondiElimina
  37. io adoro la zuppa inglese e la tua sembra buonisssimmmma!!!!

    RispondiElimina
  38. Questa è proprio LA zuppa inglese!
    Eccezionale Imma!
    Brava, me la mangio con gli occhi e poi le tue foto....sempre perfette!!

    RispondiElimina
  39. Addirittura al Rinascimento! Non lo sapevo mica, comunque resta uno dei dolci più buoni e, secondo me, più richiesti! Ottime queste coppette!! Un abbraccio Imma!!!!!

    RispondiElimina
  40. Devo proprio scegliere? Non so quale dei due preferisco. Fanno entrambi parte della mia infanzia e davvero sono fantastici.
    Grazie Imma per avermeli fatti ritrovare qui :-)

    RispondiElimina
  41. Una nuovla di piacere! Sei davero imbattibile :)

    RispondiElimina
  42. mi fai venire una voglia matta cara Imma, come resistere a tanta delizia?Un abbraccio forte...

    RispondiElimina
  43. Me l'ero persaaaaaaaa.. spettacolare anche la tua!!! un bacione

    RispondiElimina
  44. Hello, everything is going fine here and ofcourse every one is sharing information, that's genuinely good, keep up writing.

    my web page :: http://www.nicheplrarticles.net/

    RispondiElimina

Benvenute nel mio mondo fatto di zucchero a velo e tanta dolcezza ma con un pizzico di salato che non gusta mai!!!