mercoledì 8 luglio 2009

Mini torte Pavlova

Era da tempo che pensavo a questo dolce molto raffinato e coreografico fatto di meringa, panna e frutta o come nel mio caso da una buonissima confettura fatta in casa di mirtilli e more.
La Pavlova è il dolce neozelandese ,dedicato ad una ballerina -la Pavlova appunto-da uno chef che la vide ballare durante una sua tournee in Nuova Zelanda!
Una torta leggera e fresca, perfetta per finire un pranzo importante o per una festa o semplicemente magiarle in giardino ieri sera a casa di amici.Io ho pensato di fare delle mini Pavlove perche le ritenevo piu appetibili e poi essendo la prima volta magari anche piu gestibili. Sono venute buonissime friabili ma asciutte e leggermente morbide all’interno e si sposa divinamente il tutto con la confettura di mirtilli e more che gli dona quel pizzico di amarognolo che contrasta con il dolce della meringa….favoloso!!!

Mini tortine Pavlova

INGREDIENTI:4 albumi
250gr zucchero semolato
1cucchiaio maizena
1 pizzico di sale
250ml panna da montare
confettura di mirtilli e more
Accendete il forno a 100°C.
Montare gli albumi con un pizzico di sale fino a renderli spumosi,aggiungere gradatamente lo zucchero e montare la meringa bella solida.Versare in una sa a poche,rivestire la placca del fonro con carta forno e formare dei dischi di circa 16 di diametro (a me ne sono venuti 4 ma facendole piu piccole anche 8) e cuocere in forno ventilato a 100 per circa 2 ore dopo di che lasciarle nel forno una mezz’ora e poi lasciarle freddare all’aperto per un'altra mezz’ora. Nel frattempo montare la panna con un pizzico di colorante alimentare rosa e quando al meringa è bella fredda con un'altra sac a poche fomare con la panna dei ciuffetti circolari e posizionare su ciascuna meringa un cucchiaio di confettura e qualche pezzetto di meringa sbriciolata

P.S. Ecco alcune notizie su come è nato il dolce e sulla Pavlova:

Anna Pavlova è considerata tuttora una delle più grandi ballerine del XX secolo.
La Pavlova era magra, di aspetto delicato ed eterea. Il suo modo di danzare, rivoluzionò la danza del tempo, che si fondava su corpi muscolosi e più prestanti.
Le sue armoniche figure sul palcoscenico furono memorabili perché con esse , Anna, trasmetteva la leggerezza ed eleganza allo stato puro.
Anna Pavlova visitò nel 1929 la Nuova Zelanda.
Un chef molto creativo che lavorava nelle cucine dell'hotel di Esplanade a Perth, Australia occidentale, per celebrare, la visita, creò un dessert.
La sua idea era quella di trasmettere, con quel dolce, la stessa leggerezza che era icona della famosa ballerina. Creò così una torta a base di meringa, che riuscì magicamente a cuocere mantenendola morbida.
Questa dolce base venne poi arricchita con crema pasticcera, panna e frutta a volontà.
Solo in seguito venne denominato torta Pavlova.


36 commenti:

  1. Bè è proprio scenico in effetti.. a me non piace molto la meringa.. anzi per nulla.. è troppo dolce per i miei gusti. però.. a guardarlo è una meraviglia!!! un bacione...

    RispondiElimina
  2. Extra!!!!it is amazing idea!

    RispondiElimina
  3. Ciao! sono incantevoli!! delle vere bomboniere dolci!
    bravissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. che meraviglia! ti invidio perchè io e le meringhe non andiamo molto daccordo, mi riescono 1 volta su 3!

    RispondiElimina
  5. che incantevole meraviglia!!!
    sei dolcissimamente brava imma!!!!!
    sono un vero incanto per gli occhi le tue mini tortine e che sublime bontà per il palato!!
    bacionii

    RispondiElimina
  6. Che buone...poi a me che la meringa non viene mai suscitano anche un pò d'invidia ;) Baci

    RispondiElimina
  7. Ciao!non sapevo della storia di questo dolce! Sono veramente una meraviglia, una delizia per gli occhi, e per te che hai avuto la fortuna di mangiarle immagino anche per il palato!!!Bacio!

    RispondiElimina
  8. Semplici e bellissime, conosco da pochissimo questo dolce ma non l'ho mai fatto..potrebbe essere una bella idea!!!Brava imma come sempre i tuoi dolci sono slurposissimi!!ciao!!

    RispondiElimina
  9. sono bellissime le pavlove eppure non ho mai avuto modo di farle! in versione mini effettivamente sono più comode e gestibili. devo provarle prima o poi, un bacione

    RispondiElimina
  10. Sono bellissime!!! E poi la marmellata di frutti di bosco secondo me gli si addice...
    NB: interessante la storia dell'origine del nome, non la conoscevo!

    RispondiElimina
  11. Imma...la tua non è una casa ma...un laboratorio di pasticceria!
    vorrei tanto essere la tua vicina di pianerottolo!
    bellissima questa pavlova!
    baci
    dida

    RispondiElimina
  12. Hanno proprio un tocco chic!! squisite!!

    RispondiElimina
  13. Beh queste sono la mia specialità, e non posso che apprezzare questa tua versione delicata e raffinata!

    RispondiElimina
  14. che gran bel risultato che hai ottenuto in queste mini versioni ;)

    RispondiElimina
  15. Vi invidio sempre sapete lavorare la meringa ... il mio problema grosso!!! Prima o poi ce la farò anch'io Brava Imma a presto Elisa80

    RispondiElimina
  16. eh si è proprio scenografico...sembrano dolci da matrimonio..e sicuramente oltre all' estetica sono favolosi nel gusto..come vorrei assaggiarne uno...:-(..baci

    RispondiElimina
  17. In versione mini sono ancora più belle!!

    RispondiElimina
  18. io adoro le meringhe e queste mini torte mi fanno impazzire!!! baci!!

    RispondiElimina
  19. una di queste volte mi mangio lo schermo!!! buonisssssssime!!

    RispondiElimina
  20. Che carine, volevo provarne a fare una qualche giorno fa però ci sono le uova e qui,difficile ometterle però se decidessi di assaggiare prima o poi ... ^_^

    RispondiElimina
  21. adoro le meringhe e questo dolce è sicuramente da provare

    RispondiElimina
  22. E' un dolce che mi affascina, ma non l'ho mai né assaggiato e né tantomeno ho mai avuto il coraggio di prepararlo.
    E' etereo al pari di una nuvola, molto raffinato :))

    RispondiElimina
  23. Che bella foto e che bella presentazione !

    RispondiElimina
  24. Io non amo molto le meringhe ma devo ammettere che questo dolce ha un fascino unico, specie se di dimensioni ridotte!

    RispondiElimina
  25. sai, mi ha sempre affascinato l'origine del nome di questo dolce....

    RispondiElimina
  26. Imma, ma è proprio bella la tua Pavlova! Vaporosa e leggera come il tutù della ballerina in questione!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  27. stupende come al solito!!! e immagino anche buonissime!!!!

    RispondiElimina
  28. Ciao Imma, sono Billa la vincitrice del blog candy di Bibi. Sono venuta a curiosare nel tuo "dolce mondo" e...mi hai fatto venire l'acquolina in bocca!!! Fai dei dolci troppo belli a vedersi...posso solo immaginare quanto siano buoni! Ho già rubato un paio di ricette ;)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  29. Che tinte soavi!!!Questo dolce sembra una tela di acquarelli.Bravissima.Ciao, Roby

    RispondiElimina
  30. ma-che-bella
    Imma sono di un'eleganza di una bellezza stratosferica
    braviZZima *

    RispondiElimina
  31. sembrano delle nuvolette.
    bella ricetta e complimenti per la foto

    RispondiElimina
  32. Waaa... Anch'io ho fatto la pavlova!! Devo ancora postarla, però...
    Quanto buona ed elegante è?? E lo diceuna che non ama la meringa...
    (ros)marina

    RispondiElimina
  33. Ciao Imma, volevo sapere se le meringhe vanno messe due, una sopra l'altra? Perche la foto mi da questa impressione.
    Ho fatto la tua zebra cake, buana e scenografica. Grazie.

    RispondiElimina

Benvenute nel mio mondo fatto di zucchero a velo e tanta dolcezza ma con un pizzico di salato che non gusta mai!!!